La redingote

Si tratta di una sorta di giacca lunga, soprattutto maschile (anche se ne esiste anche la versione femminile). In questo breve articolo noi ci limiteremo a vedere degli esempi di redingote maschile.
La Treccani la definisce così: “redingote ‹rëdẽgòt› s. f., fr. [adattam. dell’ingl. riding coat, propr. «veste (coat) per cavalcare (riding)», dalla destinazione originaria di questa foggia di abito]. – 1. Abito con giacca lunga fino al ginocchio e falde aperte nella parte posteriore, usato in Europa dal sec. 18° per cavalcare e per la caccia a cavallo, e dal sec. 19° al primo Novecento come abito maschile, sempre elegante, da passeggio. 2. Cappotto, abito a r., e assol. redingote, cappotto o abito femminile moderno aderente, stretto alla vita e svasato nella parte inferiore, con maniche a giro”.
La redingote maschile si presenta a mono o a doppiopetto e di varie lunghezze, ma sempre sotto al ginocchio; essendo un capo molto alla moda, presenta anche vari colori e la possibilità di abbinamenti a contrasto (ad esempio con la fodera).
Illustrazione da “La Galerie des Modes”, 1783
Litografie francesi a colori conservate presso il Victoria&Albert Museum di Londra, 1825
                                                                                             redingote a doppiopetto (a sinistra), dal “Journal des dames et des modes”, 1831

Questo tipo di indumento ha avuto anche delle applicazioni militari.
Redingote appartenuta a Napoleone, 1815
                                                                                 ritratto equestre di Napoleone in redingote, Carle Vernet, 1805-10
Garde Impériale – Chasseurs à cheval 1804-1815
ufficiale degli ussari francesi, 1802

Oggi questo tipo di indumento sta tornando, grazie anche allo stile steampunk.
Dal gioco “Second Life”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.